Salotto d'inverno 2005 - Il Coroneo: dentro il carcere

Home »

Martedì 15 novembre alle ore 16,00 presso la Casa Circondariale di Trieste di Via del Coroneo n. 28

Clicca sopra la foto per il filmatoincontro-dibattito
Dentro il carcere - Il Coroneo

Con quest’iniziativa si è desiderato far conoscere la realtà carceraria di Trieste e sensibilizzare la cittadinanza sul problema della detenzione.
Organizzazione e coordinamento: Giovanni Esposito

Il Coroneo, ubicato nel centro della città, è un’Istituzione spesso sconosciuta dai cittadini che vi passano davanti richiamati a volte dal dialogo gestuale tra i parenti dei detenuti che sostano davanti al carcere e i detenuti stessi.
Il tema dell’incontro si è incentrato sul 3° com. dell’art. 27 della Costituzione della Repubblica: Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato. Tale principio, profondamente radicato nel nostro diritto, trova pratica applicazione?
La direzione del carcere ha aderito all’iniziativa.

La stessa direzione, attraverso l’area pedagogica, si è resa disponibile con l’ente di formazione IAL, che organizza corsi per panettieri e cuochi, ad offrire un assaggio di piatti etnici, preparati dai detenuti che seguono gli insegnamenti professionali.
Per comparare quanto avvenuto in Italia in questi anni, è stato  proiettato il documentario Dentro il carcere- Detenuto essere umano, l’inchiesta degli anni sessanta di Emilio Sanna e Arrigo Montanari, concesso dai Rai Teche. Il filmato documenta come il carcere debba essere inteso quale soggiorno di uomini e non sepolcro di vivi.
Amministrare la giustizia è stato sempre un compito difficile in ogni momento storico.

Quali leggi applicare e come applicarle per la Costituente era una responsabilità pesante e nuova. Si discusse a lungo. Giovanni Leone, relatore alla Commissione Giustizia, gran testimone dei valori giuridici, fu molto bravo nel difendere i valori della giustizia dimostrando grande sensibilità con statura e saggezza elevata. Il momento più delicato fu quello della formazione della norma concernente la pena. Non si voleva definire la pena che funzione dovesse avere: funzione vendicativa o educativa. Allora fu usata la formula attuale che non dicesse né l’una né l’altra e fu approvato il 3° comma dell’art 27 della Costituzione della Repubblica Italiana citato sopra.

Locandina
Rassegna stampa
Trascrizione convegno
Filmato