Nuovo Statuto

Home » Chi Siamo

Il presente Statuto in vigore dal 28 marzo 2009, è stato registrato in data 31 dicembre 2009 al n. 8334 - serie 3 - presso l'Agenzia delle Entrate di Trieste

Modifiche allo statuto di cui alla registrazione n. 1618 – serie 3 – in data 6 marzo 2007, presso il competente Ufficio dell’Agenzia delle entrate di Trieste. Lo statuto di cui alla registrazione precedentemente indicata sostituiva lo statuto originario, allegato all’Atto costitutivo di Associazione del 26 marzo 1990, a rogito del notaio Vladimiro Clarich, Allegato sub "A" all'atto di repertorio n. 157792/9393.
 

TITOLO I
Disposizioni generali
 
Art. 1
Denominazione - Sede - Durata

 
1. E' costituita, a tempo indeterminato, un’organizzazione di volontariato denominata “ASSOCIAZIONE CULTURALE AMICI DEL CAFFÈ GAMBRINUS", ONLUS 676 del Registro Regionale del FVG. con sede a Trieste. La sede legale è quella del domicilio del presidente pro-tempore.
 

Art. 2
Statuto

 
L’Associazione è disciplinata dal presente statuto ed agisce nei limiti delle leggi statali, regionali e dei principi generali dell’ordinamento giuridico.
 

Art. 3
Carattere associativo

 
1. L’Associazione Culturale Amici del Caffè Gambrinus è organizza- zione estranea ad ogni attività politico-partitica, religiosa e razziale, non ha fini di lucro, intende perseguire esclusivamente finalità di solidarietà sociale ed fondata sulla partecipazione attiva e volontaria dei suoi aderenti.
2. Essa opera prevalentemente nel territorio della Repubblica Italiana e nell’Europa comunitaria, può assumere iniziative anche in paesi terzi purché finalizzate agli scopi statutari.
3. I contenuti e la struttura dell’Associazione sono democratici, basati su principi solidaristici e consentono l’effettiva partecipazione degli aderenti alla vita ed all’attività dell’Associazione.
4. L’Associazione si ispira ai principi della legge 266/91, in particolare a quanto previsto all’art. 3, comma 3; essa si adegua ed adempie le previsioni normative della l. R. n. 12/95
 

Art. 4
Finalità

 
1. L'Associazione si propone lo scopo:
- in generale, attraverso la cultura, della pacifica convivenza tra le diverse etnie e culture;
- in particolare della reciproca conoscenza tra le genti del Sud d'Italia e del Friuli Venezia Giulia, per la conservazione, valorizzazione e diffusione delle rispettive culture, favorendo studi sull'evoluzione storica, sulle espressioni letterarie, artistiche, folkloristiche eccetera;
- di promuovere studi e ricerche di soci ed esperti esterni, pubblicazioni ed attività editoriali in genere, organizzare congressi, conferenze, incontri, dibattiti, escursioni e gite per scambi culturali in Italia ed all'Estero.
- interventi di carattere sociale con opere d’assistenza, premi e borse di studio con il Fondo denominato Giovanni Volpe, retto da un apposito regolamento che allegato al presente statuto ne fa parte integrante.
Il settore prevalente è quello relativo all’attività culturale.
 

TITOLO II
Risorse ed attività economiche

 
Art. 5
Patrimonio

 
Il patrimonio dell'Associazione è formato:
• dalle entrate che sono costituite come segue.
a) da eventuali fondi di riserva costituiti con le eccedenze di bilancio;
b) dalle quote sociali annuali;
c) dai contributi di organismi internazionali, dello Stato, amministrazioni pubbliche, enti locali – finalizzati elusivamente al sostegno di specifiche e documentate attività e progetti – istituti di credito, enti in genere ed altre persone fisiche e giuridiche
d) da eventuali erogazioni, sovvenzioni, donazioni e lasciti di terzi o di associati, accettate dal Consiglio Direttivo che delibera sulla loro utilizzazione, in armonia con le finalità statutarie dell’Associazione. In particolare:
1) i lasciti testamentari sono accettati con beneficio d’inventario, previa deliberazione del consiglio direttivo che autorizza il presidente a compiere i relativi atti giuridici;
2) le convenzioni sono accettate dal consiglio direttivo che autorizza il presidente a compiere tutti gli atti necessari per la stipula.
e) da eventuali entrate per servizi prestati con convenzioni e da attività commerciali e produttive marginali svolte in maniera ausiliaria e sussidiaria e comunque finalizzate al proprio autofinanziamento.
• dai beni dell’associazione, siano essi mobili, immobili e mobili registrati.
a) I beni immobili ed i beni mobili registrati possono essere acquistati dall’associazione e sono ad essi intestati.
b) Tutti i beni appartenenti all’associazione sono elencati in apposito inventario, depositato presso la sede dell’associazione e consultabile da tutti gli aderenti.
 

Art. 6
Durata del periodo di contribuzione

 
1) La quota sociale è annuale dal 1 gennaio al 31 dicembre. Deve essere versata, in unica soluzione, entro il mese successivo all’approvazione del bilancio precedente. L’importo relativo viene stabilito annualmente dall’assemblea.
2) Le quote sociali dei nuovi soci sono dovute per tutto l’anno in corso, qualunque sia il momento dell’avvenuta iscrizione.
 

Art. 7
Diritti degli associati sul Patrimonio sociale

 
Gli utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale non verranno distribuiti, neanche in modo indiretto, durante la vita dell’associazione, salvo che la destinazione o distribuzione non siano imposte dalla legge o siano effettuate a favore di altre organizzazioni di volontariato che per legge, statuto regolamento fanno parte della medesima ed unitaria struttura. Essi dovranno essere impiegati esclusivamente per la realizzazione delle attività di cui all’art. 4.
 

Art. 8
Responsabilità ed assicurazione

 
1) L’associazione Culturale Amici del Caffè Gambrinus risponde solo degli impegni contratti a suo nome dagli organi statutari competenti e nessuno degli aderenti può per questi essere ritenuto individualmente responsabile.
2) Gli aderenti dell’associazione che svolgono attività di volontariato “attivo” sono assicurati per malattie, infortunio, e per la responsabilità civile verso terzi.
3) L’associazione risponde, coi propri beni, dei danni causati per l’inosservanza delle convenzioni o contratti stipulati.
4) L’associazione, previa delibera del consiglio direttivo, può assicurarsi per i danni derivanti da responsabilità contrattuale ed extracontrattuale dell’organizzazione stessa.
 
 
Continua